Pokemon Dimension{GDR,Scuola di Battling,Guide,Trucchi,Soluzioni,News,Distribuzioni Pokemon}
Benvenuti su Pokemon Dimension.Forum interamente dedicato ai pokemon. Qui potrai trovare guide e soluzioni per aiutarti nel
gioco, utilissimi codici Action Replay e tanto altro ancora! E'un occasione stupenda per farti nuovi amici! Registrati è GRATIS. Se ti registri potrai giocare al GDR, imparare il battling alla nostra Scuola Pokemon, ricevere le distribuzioni Pokemon mensili e commentare le nostre discussioni. Allora cosa aspetti? Registrati! Ci metti meno di 2 minuti, è assulutamente sicuro e senza virus e nessuno più sapere i tuoi dati personali. In pratica ci guadagni solo! Se non ti va di iscrivierti ti rngraziamo lo stesso per la visita, buona permanenza Wink

Il sussurro

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da TheProtogame™ il Gio Dic 01, 2011 4:22 pm

†Kønømi† ha scritto:
†Dark1000† ha scritto:birra per tutti offre konomi Roit
skrokkone del kazzo ASD
io prendo solo vodka made in russia perchè la vodka e la russia RULLANOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

Firma dell'Utente __________________________________________________________________________________________________
Spoiler:

Spoiler:

e ricordati....
IT'S ALL ABOUT THE GAME!
avatar
TheProtogame™
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 995
Pokèdollari : 8273
Data d'iscrizione : 23.10.11
Età : 19
Località : Da ovunque chiunque mi voglia seguire....e diventare leggenda...

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente http://pokemondimension.phpbbitalia.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da TheShinyIce il Gio Dic 01, 2011 8:27 pm

Pazzo
avatar
TheShinyIce
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Messaggi : 367
Pokèdollari : 7498
Data d'iscrizione : 28.10.11
Età : 19
Località : Nuoro

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da †Kønømi† il Mer Dic 21, 2011 3:18 pm

E dopo SECOLI che ci lavoro sopra, ekko a tutti voi la 2^ parte!!! Solo delle piccole premesse:
Spoiler:
-I dialoghi, come tutti sanno, sono tra una coppia di "
-I pensieri di un personaggio sono trascritti tra due **
-Tutto ciò contrassegnato da due parentesi quadrate [] sono delle note dall'autrice inserite nel testo, come delle riflessioni personali.
Ed ora, enjoy it °D°


…Buio…
Non vi era altro che buio nella mente d’Akane.
Un colpo alla testa? Una contusione violenta per l’impatto dopo il volo? Chi lo sa.
Sentiva solo lo scrosciare della pioggia sulla propria pelle, ed ecco, il cinguettio di qualche pidgey.
Finalmente aprì gli occhi. Vedeva gocce di pioggia caderle insistenti sul volto, da un cielo grigiastro d’autunno.
Riuscì a tirar su la schiena e, poggiandosi una mano sul volto, volse nuovamente lo sguardo al cielo.
Akane: Do-dove sono?
Al suo fianco si ergeva il grande portone della Palestra pokèmon di Angelo. Intorno a lei, solo il rumore della pioggia. Fissando quel portone davanti a sé le balenarono in mente un flash di immagini. E così vide riaffiorarle i ricordi degli occhi di quel mostro, delle strisciate di sangue che lasciava dietro sé, della risata di Angelo e, sopratutto, del suo Absol, disteso sul campo di lotta, con gli occhi cavati in una pozza di sangue, mentre la creatura lo dilaniava.
Un lampo squarciò il cielo, illuminando il volto d’Akane.
Akane: Absol… ABSOL!
Il suo grido riecheggiò per le strade deserte d’Amarantopoli. Fra le varie gocce di pioggia che le cadevano dal viso se ne poteva intravvedere una, quasi brillante. Una lacrima.
Si rialzò in piedi, con grande sforzo. Il probabile impatto dopo quel volo per il baratro doveva aver lasciato i suoi segni. Ciò nonostante, la sua mente era invasa da ben altri pensieri. Com’era possibile ritrovarsi fuori dalla palestra? Che fine aveva fatto il suo Absol?? Si girò verso il portone. Con sguardo atterrito lo fisso per qualche istante. Poi, con gli occhi colmi di lacrime, incominciò a picchiarvi sopra i palmi dei pugni, gridando e singhiozzando di ridarle indietro il suo Absol.
Niente.
Dalla palestra non giungeva altro che il silenzio più totale.
Akane crollò con le ginocchia a terra. I palmi delle mani poggiati sul lastricato dinnanzi al portone. Non sentiva più la pioggia scrosciarle addosso, non sentiva più i pidgey cinguettare sul cornicione del tetto, nulla riusciva a perforare quel suo momento di solitudine più assoluta. Le lacrime continuavano a sgocciolarle dagli occhi e, con sguardo basso, si rialzò. Stringendo i pugni al petto, si girò di spalle e incominciò a correre, zoppicando, per il dolore che le davano le gambe.
Arrivata al cancellone davanti alla palestra si dovette reggere ad un palo, dato che le gambe non la reggevano. Continuava a singhiozzare e a strizzare quei suoi occhioni che ormai erano divenuti rossi per quel pianto così disperato. Volse un attimo lo sguardo al cielo, socchiudendo gli occhi. Mentre le gocce di pioggia si mischiavano alle sue lacrime, sussurrò: “Absol… non può finire tutto così…”. In quel momento le apparvero davanti agl’occhi tutti quei bellissimi momenti passati col suo pokèmon. Come quando, nella cavità d’una quercia secolare nei meandri del bosco di lecci, quel piccolo uovo che stringeva a sé per proteggerlo dal freddo di quella notte invernale, si schiuse, dando vita a quel che in futuro sarebbe diventato il suo migliore amico. Già… il primo incontro d’Akane e Absol. Si ricordava benissimo di come, con quel loro sguardo, fu magia. Anche quella notte, che ormai pareva lontana e persa tra i ricordi, era uggiosa come quel giorno stesso. Continuò a pensare. La prima lotta di Absol, la loro prima vittoria, tutti quei momenti che allora parevano insidiosi ed ardui, ma che, con la forza del loro legame, andavano dissolvendosi col passare del tempo. Insomma, era tutto perfetto. Un’amicizia che sarebbe durata in eterno… già, in eterno. Ma ora, tutti i loro sogni, tutti quei momenti, erano svaniti per sempre, nell’oscurità di quel campo di lotta.
Akane battè i pugni al palo del cancellone e riprese a correre, sempre dritto a sé. Non riusciva a tener gli occhi aperti talmente tante erano le lacrime che glieli invadevano. Appena girato l’angolo si sporse quel pelo di troppo sul ciglio della strada, rotolando giù per una collinetta, appena poco più bassa della strada. L’erba già era molto scivolosa per via della pioggia, e Akane, dopo quella gran scivolata, si ritrovò tutta indolenzita dinnanzi ad uno stagno.
Seppur fosse uno stagno, era abbastanza grande, con acque torbide. Nell’aria aleggiava una foschia sottile, quasi spettrale. Il tutto poi era circondato da una fitta boscaglia di betulle e cipressi morti, le quali le foglie secche rendevano quell’atmosfera lugubre variopinta di mille colori.
Akane si scostò dal volto della terra melmosa, cercando di riaprire gli occhi. Era fradicia e i vestiti sporchi di fango le si appiccicavano addosso. Per giunta, nulla riusciva a levarle dalla mente il pensiero del suo Absol.
Trascinandosi, riuscì ad arrivare sino alle sponde dello stagno e, anche se l’idea le faceva ribrezzo, si lavò il volte con le sue acque, giusto per levarsi ogni traccia di melma. Dopo essersi passata le mani sul viso, fissò a lungo il riflesso del suo volto in quell’acqua torbida. Il suo sguardo era vuoto, non esprimeva più alcuna emozione, era come perso nel nulla.
L’acqua dello stagno incominciò ad agitarsi lievemente, come se qualcosa vi fosse lanciato dentro. Akane alzò piano lo sguardo e noto che, a qualche metro più in là, dall’altra parte dello stagno, vi era una bimba, che lanciava sassolini nello stagno. Indossava una mantellina, con un cappuccio che arrivava a coprirle la testa, sino alla punta del naso. La bimba pareva molto piccola e, anche se vista da lontano, si notava il chiarore della sua pelle, oserei dire quasi bianca. Si chinò per prendere un altro sassolino e –zag- lo lanciò nello stagno. Sembrava fare un minimo cenno di sorriso quando il sassolino rimbalzava a pelo dell’acqua. Dopo quel suo gesto, Akane notò con stupore che, in quelle acque stagnanti, non vi era riflessa la bimba. Rimase un attimo shokkata e, dopo qualche perplessità, si alzò, incominciando a camminare piano, sulla sponda dello stagno, girandovi attorno, per provare a raggiungere quella bambina.
Ecco, era ormai a pochi passi da lei. La bimba fino a quel momento non s’era accorta della sua presenza, forse per il fatto che il cappuccio della mantellina ne copriva gli occhi. Comunque sta di fatto che, udendo i passi della nostra Akane, si sorprese a tal punto da fare un balzo notevole.
Akane, con un gesto della mano e con un sorriso, la salutò, dopodiché le chiese cosa ci faceva lì tutta sola, in quella giornata così umida e fredda. Non fece in tempo a finire la frase che la bambina già si stava dileguando nella boscaglia dietro stante allo stagno. Akane le chiese d’aspettare, ma vedendo che la bimba non le dava ascolto, continuando ad inoltrarsi nel bosco, la seguì, gridandole che non aveva motivo di scappare.
**Potrebbe essere pericoloso per una bambina girovagare di tarda sera in un bosco, devo fermarla!** pensò Akane.
Intravvedendola a pelo dell’occhio, Akane riuscì a seguirla, finchè il rumore della pioggia e l’infittirsi del bosco non ne coprirono de finitamente le tracce.
...E ora? Akane si ritrovò immersa in quel bosco a lei sconosciuto. Lo zigzagare per le fronde degli alberi le aveva fatto perdere l’orientamento, non riusciva a capire dov’era capitata.
Continuò a lungo a girovagare per quel bosco ma, più vi si addentrava e più le sembrava che gli alberi fossero tutti uguali, che i massi si ripetevano, che le tracce lasciate sul manto delle foglie fossero le stesse lasciate da lei precedentemente.
Era ufficiale, s’era persa.
Akane: “Ma perché lo seguita?!” si continuava a chiedere. In effetti, s’era messa a inseguire quella bimba anche senza un motivo apparente. Per giunta, sarebbe potuta esser parsa una poco di buona dato l’ostinità con la quale la stava pedinando. Ma ora la cazzata era fatta. Si era persa, inutile tentar, con tanti giri di parole, di spiegare quel che stava accadendo.
Persa. Senza un posto dove andare, senza qualcuno con cui stare. Dopo la perdita di Absol, nulla sembrava aver più senso per lei. E la pioggia andava aumentando. Insomma, ci fu un attimo di smarrimento generale, finchè un brivido le attraversò la schiena, facendole rizzare i capelli dalla paura. Andava facendosi buio, ormai non sapeva più da quante ore stesse girovagando a vuoto.
Un vento freddo incominciò a levarsi, facendo librare in aria le foglie secche in un turbine, come una danza. Però, il buio andava calandosi più in fretta del previsto, e Akane non aveva alcuna intenzione di passare la notte in quel bosco. Le rivenne quel brivido alla schiena e, girandosi di colpo, vide in lontananza un qualcosa scostarsi velocemente tra le foglie secche, da dietro un albero a un altro, per poi sparire nel nulla.
PANICO. Gli occhi d’Akane si sbarrarono e, tremando come in preda ad un attacco d’epilessia, sembrò impazzire. Mettendosi le mani tra i capelli sussurrò battendo i denti: “N-non p-può es-esser-e… è-è-è l-lui… è q-quel-la c-crea-t-tura!!!”.
Sbarrò talmente gli occhi che sembrarono le stessero per uscire dalle orbite. L’aveva vista!!! Quella creatura!! La stessa creatura che aveva dilaniato il suo Absol! O forse no… forse era tutto frutto della sua fantasia… ma poco le importava. Si girò e incominciò a correre come non aveva mai fatto, cadendo nel fango del bosco e rialzandosi di continuo. Imbucò un sentiero. Era alquanto scosceso e seguiva un ruscellino. Il sentiero andava facendosi sempre più stretto. Corse a lungo senza voltarsi, ma, quando lo fece, constatò con grande terrore che a qualche decina di metri più indietro di lei un qualcosa di scuro e ricurvo su di sé procedeva a tentoni nella boscaglia.
Akane: AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH!!!
Akane gridò in preda al terrore, come mai aveva fatto in tutta la sua vita.
Corse e corse senza voltarsi più, senza neppure sapere dove stesse andando. Corse all’impazzata, finchè, voltandosi, non la vide più. Ma con questo gesto, non ebbe il tempo di rendersi conto che stava inciampando in un qualcosa, cadendo, e urtando violentemente la testa.
Riuscì a rimanere lucida appena quell’istante necessario per intravvedere l’ombra d’un qualcosa avvicinasi a lei.
Pensò tra sé e sé: **È la fine…** dopodiché, il buio più assoluto.



…Ecco una luce. Era per caso morta? Si domandò.
Riaprì gli occhi.
Con un lieve sbattito delle palpebre mise a fuoco la vista, tirandosi su la schiena. Degli splendidi raggi di luce fioca penetravano da una finestra in carta velina. Si ritrovò in una stanza d’un’antica, ma raffinata, abitazione giapponese . Era coricata in un letto, vicino alla quale giaceva dormiente il suo adorato Houndoom. Una fresca essenza di lavanda invadeva la stanza.
Per qualche istante Akane si chiese se si trovasse in paradiso, ma a giudicare dai lancinanti dolori che le davano i polsi e le caviglie, accuratamente fasciati, si rese conto di essere ancora in vita.
Quel silenzio, quella luce fioca ma assolutamente chiara, e appena appena il ronzio si qualche masquerain, le mettevano una calma e una serenità che da troppo tempo le parevano così nascoste alla sua anima.
Ed ecco che ad irrompere in quell’atmosfera così magica fu un’anziana signora, che entrò nella stanza giusto per accertarsi delle condizioni d’Akane. Le si accostò vicino e, con stupore d’Akane, le mise una mano sul volto, dando l'impressione di fissarla per qualche istante. La mano dell’anziana pareva gelida e rinsecchita, proprio all’osso, ma era una cosa normale data la sua tarda età… o forse no?
Comunque sia, l’anziana si ridestò in piedi e, con un sorriso che pareva quasi sforzato, disse ad Akane che il peggio era ormai passato.
...Il peggio… a che si riferiva? Alle condizioni d’Akane, o a ben altre questioni? [Beh, per ora questo mistero è meglio lasciarlo un attimo in sospeso e.e]
Akane ricambiò il sorriso e, con la voce ancora vacillante per quello stato di vago stordimento, le chiese dove fosse.
L’anziana, una donna che all’apparenza sembrava sull’ottantina, era molto bassa e ricurva sulla schiena. Portava un lungo abito cerimoniale giapponese, ricamato con splendidi gigli turchesi, cinto ai fianchi da una fascia rossa scarlatta. Indossava un velo, che le copriva il capo e quasi tutto il volto. Dei profondi solchi le scavavano il viso, dandole ancor più un aspetto smorto.
Ma ritorniamo alla domanda della nostra Akane. L’anziana dapprima non la degnò d’una risposta, ma, successivamente, le raccontò della serata precedente; di quando, immersa negli antri più profondi del bosco, alla ricerca di erbe medicinali, vide una ragazza, che pareva essersi smarrita e vagava per il bosco senza meta. Akane capì che quella ragazza di cui stava parlando l’anziana era proprio lei.
L’anziana continuò il suo racconto, dicendole di come avesse tentato d’avvicinarsi a lei, ma invano, dato che Akane pareva impazzita e continuava a sfuggirle. Le raccontò, di come a un certo punto la raggiunse, trovandola priva di sensi, dopo aver urtato violentemente il capo contro una roccia. E per ultim cosa aggiunse che, avendola vista in quello stato, pensò ben di portarla al suo templietto, per prendersene cura.
Akane era perplessa. Il tutto sembrava impossibile! Lei aveva proprio visto la creatura che la stava braccando quella sera! Ma allora… come si spiegava tutto ciò? Così, pensò bene di chiedere all’anziana signora se non si stesse sbagliando, e le spiegò di come, quella sera prima, fosse inseguita da una “misteriosa e cupa creatura”.
L’anziana fece una strana risatina, e disse ad Akane che molto probabilmente il colpo alla testa doveva averle distorto i ricordi.
...No! Akane ne era convinta! Aveva visto quell’essere la sera precedente, ma… forse forse, aveva ragione l’anziana. Quest’ultima soggiunse che la serata precedente indossava una mantella scura, per ripararsi dalla pioggia. Molto probabile che la stanchezza e lo stato di panico ne avessero distorto l’immagine agli occhi d’Akane, facendola apparire come un essere mostruoso che la seguiva.
Akane se ne convinse, ma… non sapeva. Le sembrava che ci fosse qualcosa che non andava.
In quel momento, Houndoom si risvegliò e, vedendo Akane in ottimo stato, le saltò in grembo. Akane ringraziò immensamente l’anziana signora per averle rimesso in sesto il suo amato Houndoom. Lei non le rispose, ma sembrò bisbigliare qualcosa tra quei denti logori e giallastri.
Anziana: "…lo sai, in fondo anche Houndoom è un pokèmon molto interessante…"
Akane: “C-come scusi?” fece un sorriso storto, come per alludere di non aver capito.
L’anziana le sorrise, e con una vaga risata le disse che non era niente, che le capitava spesso di pensare a voce alta.
…Strano…
Akane s’alzò dal letto, si diede una sistemata ai capelli e, accarezzando il muso a Houndoom, ringraziò l’anziana e le disse che per lei era giunta l’ora di andare.
La faccia dell’anziana si fece molto cupa, quasi spaventosa. Detto ciò, Akane si voltò, e ,appena sfiorò la porta, l’anziana gridò: “Ferma!”

Oddio. Un brivido percorse la schiena d’Akane. Il grido, era rauco, molto profondo, mostruoso; non era la voce dell’anziana.
Si voltò piano, con sguardo straniato.
L’anziana era lì, in piedi, col suo velo tirato fin sugli occhi.
Per un attimo, Akane temette il peggio.
L’anziana si schiarì la voce: “Coff coff! Oddio, sta tosse mi sta proprio uccidendo. Cara, volevo chiederti… non ti piacerebbe rimaner qua a farmi ancora un attimo compagnia? Sai, è da una vita che nessuno passa più da queste parti. Poi, per ringraziarti della tua disponibilità, ti potrei mostrare il templietto del bosco.”
Akane rimase sorpresa:“Perché, c’è forse un templio da queste parti?”
L’anziana sogghigno: “Uhuh, certo che c’è cara, e se sarai così gentile da fermarti una sola altra notte, potrò anche predirti l’Oracolo.”
Oracolo? Akane non sapeva neanche cosa fosse. Comunque sia, quell’anziana signore, così triste, così smorta, così pallida, le faceva una gran pena. Poi, tutta sola, in quel bosco così lontano dalla civiltà… Insomma, decise di fermarsi a farle ancora un po’ compagnia. Comunque ricordò all’anziana che la mattina successiva sarebbe partita senza ulteriori indugi. L’anziana fece un mezzo ghigno, che interruppe immediatamente, come per non dare nell’occhio.
Houndoom, che fino a quel momento se n’era rimasto quatto quatto, incominciò a digrignare i denti e a ringhiare contro l’anziana. Akane s’insospettì e, arricciando un sopracciglio, chiese ad Houndoom che gli stesse pigliando. Intanto, nella stanza, la luce andava progressivamente diminuendosi.
Strano, si sarebbe dovuto essere sul pomeriggio, e allora che era quell’atmosfera che andava incupendosi? Poi, l’aria incominciava a farsi pesante …Strano…
Akane colse un fatto curioso. Quei raggi di luce fioca che prima traspiravano dalla finestra, ora parevano d’uno strano rossore, come al crepuscolo.
Houndoom incominciò ad abbaiare, sempre guardando fisso quel velo che celava lo sguardo dell’anziana. Akane intimò Houndoom a calmarsi. Non capiva che gli stesse prendendo. Nel contempo, sul volto dell’anziana era parso un ghigno sinistro che Akane, girata verso Houndoom, non notò.
Houndoom, invece, a vedere i denti giallastri e logori dell’anziana allungarsi lentamente, affilandosi, s’incupì molto. Vide due scintillii scarlatti traspirare dal velo. Il ringhiare di Houndoom si mutò in un mugolìo, mentre la figura dell’anziana pareva allungarsi e mentre i suoi denti sembravano divenire lame. E il tutto accadeva giusto alle spalle dell’ignara Akane che, girata verso Houndoom, non si rendeva conto di cosa stesse accadendo.
Ma c’è da immaginarsi la scena. Houndoom rannicchiato sulle zampe posteriori, in un angolo della stanza, con davanti Akane che tenta di calmarlo mentre, alle spalle della sua allenatrice, quell’anziana signora era ormai divenuta una figura esile, alta tre metri, con denti acutissimi e, anche lei, con lo sguardo celato.
[Ma che era sta mania di tener qualcosa davanti agli occhi onde evitare sguardi altrui? Angelo, la bimba, l’anziana… Beh, diciamo che è uno dei tanti misteri della storia che sveleremo a tempo debito e.e]
Comunque, nel contempo, Akane, guardando fisso negli occhi Houndoom, riuscì a intravvedere la sagoma dell’ ”anziana” dietro sé. Sgranò gli occhi. Le mani che prima cercavano di tener fermo il volto di Houndoom ora tremavano, come in preda ad un attacco di panico.
Akane si voltò lentamente, e…

L’anziana era lì, bassa, con la bocca appena socchiusa dal quale si intravvedevano i suoi soliti denti logori e giallastri.
Anziana: "Oddio cara, hai una faccia! Cosa ti succede? Sicura di sentirti bene?”
Akane sbattè più volte le palpebre. Niente. Non c’era proprio niente di insolito nell’anziana.
Strano… eppur quel che aveva visto riflesso negli occhi di Houndoom era chiaro… Bah, il tutto si stava facendo, come dire… inquietante.
Akane richiamò nella pokèball in suo Houndoom. Era troppo scosso per rimanere lì, in quella stanza.
Anziana: “Allora, andiamo sì o no a visitare il templietto? È giusto giusto a non molto da qui, non ci vorrà molto.”
Akane annuì e, seguendo l’anziana, uscì dall’abitacolo. Fuori la luce del giorno splendeva d’un radiore immenso. Strano. Prima nella stanza la luce che filtrava dalla finestra era quasi rossiccia. Mah… Akane incominciava a chiedersi sul serio che diamine stesse accadendo.
Ed ecco, dinnanzi a loro, estendersi un immenso campo di rose rosse. Stupende a vedersi. Un colore scuro, sì, ma brillante. Akane ne rimase affascinata. Il campo era immenso, sembrava estendersi per tutta quella chiazza di terreno isolata nel mezzo della boscaglia. Solo una cosa rompeva quella perfetta armonia tra la distesa di rose e il paesaggio; un albero, al centro del campo, con qualcosa ai piedi delle sue radici.
Akane s’allontanò un attimo dall’anziana per andare a vedere più da vicino il maestoso albero. Corse per il campo, come incantata, senza accorgersi che le spine dei rovi delle rose le stavano graffiando i polpacci. Solo una volta arrivata dinnanzi all’albero ne percepì davvero la sua immensità, tanto che i suoi rami parevano toccare il cielo. Akane, alzato lo sguardo, ne fissò le fronde, che frusciando al passare del vento provocavano uno strano effetto ottico.

Un tuffo al cuore.
Per qualche istante le era parso di vedere una bimba accovacciata su di un ramo, per poi sparire nel nulla.
Abbassò lo sguardo; davanti all’albero vi era una piccola lapide in pietra. Era tozza, con una vaga forma a croce.
Il volto d’Akane s’incupì molto alla vista della lapide. Sentì una voce alle spalle.
Anziana: “Oh, cara, devi sapere che questo è il luogo dove ormai da anni giacce la mia amata nipotina.”
Akane impallidì: “L-la sua nipotina? Oh, mi spiace molto signora…”
-silenzio-
Akane si sentiva totalmente fuori luogo, ma, inappropriamente, le venne da dire: ”…mi dica, di cosa è morta?”
Anziana: “Oh, la mia piccola pupilla, era una dolcissima bambina. Devi sapere che sin da quando era in fasce, sua madre, vedova da anni, se ne andò a causa d’una malattia, così decisi di prendere la bimba con me, piuttosto che abbandonarla al suo destino. Passarono gli anni, e tra noi andava creandosi un legame stupendo. Mi ricordo ancora di quando le feci conoscere il suo primo pokèmon, un Surskit. Oh oh oh, andavano così d’accordo! Non si separavano mai, neanche quando la piccola m’aiutava con gli oracoli al templietto. Era la mia gioia, la mia vita, insomma… era tutto per me. Ma, un giorno…”
Akane s’incupì: “…Ma? La prego, mi dica cosa l’è accaduto, se non le reca troppo dolore parlarne.”
L’anziana fece un sorrisino smorto, e, con sguardo vuoto, incominciò:
“…Una notte, molti anni fa, la mia piccola nipotina s’allontanò dalla nostra dimora con Surskit, verso la vicina città d’Amarantopoli, per giocare al loro stagnetto preferito. Oh, c’andavano così spesso, che ormai non mi affannavo più all’idea di lasciarla andar sola a giocare per qualche decina di minuti.
…L’errore più grande della mia vita.”
Dal volto dell’anziana si scorsero delle lacrime solcarle quelle profonde rughe, per poi cadere pesanti a terra. Akane la guardò con compassione, e con appena un accenno di dubbio.
Osò dirle: “E quale fu questo suo grande errore?”
L’anziana sussultò, le tremarono le mani, il volto; sembrava curvarsi sulla schiena, comprimendo l’addome con una stretta delle braccia. Questa insolita posizione ricordò ad Akane, con grand’orrore, Angelo. Il cuore sembrava esploderle in petto al solo pensiero che…
Anziana: “N-non dovevo. Perché… PERCHÉ l’ho lasciata andare?!” e scoppiò in lacrime.
Akane la guardò mestamente, non sapendo cosa dire.
Anziana: *sospiro* …Non potetti più godere della vista del suo radioso e giovincel volto da quel giorno… Non ritornarono più a casa, né lei, né Surskit. Come inghiottiti nella morsa di quella fredda nottata d’autunno, che se li portò via…”
-Silenzio-
Anziana:”…Non vedendola tornare a casa, andai a cercarla. Le tenebre ricoprivano i boschi circostanti Amarantopoli. Un solo sentiero conduce questo templietto alla città, e sbuca nelle vicinanze dello stagno dove la mia nipotina andava a giocare. Giunta sul posto gridai e rigridai, ma non la sentii rispondere. Il panico mi colse il cuore, quando, da un rametto d’edera spinosa, colsi un lembo grigiastro di stoffa; era della mantellina della mia nipotina. Mi guardai in giro: dinnanzi a me stava la Palestra Pokèmon della città. Con orrore scorsi il portone d’essa appena appena socchiuso. E lì, mi parve che il cuore cessò di battermi per qualche istante. La bestia era uscita dalla sua tana. Infatti, da tempo era ormai noto ai pochi abitanti della città lo stato d’Angelo. Non si sapeva solo che gli fosse accaduto, ma era certo che, da una notte ormai lontana nel tempo, Angelo non fu più lo stesso. Noi più anziani ci ricordiamo cosa successe, o per lo meno, cosa fosse successo in teoria. Si diceva che Angelo, quella notte, si recò, come spinto da una forza misteriosa, alla Torre Campana. E dopo quel giorno, nulla fu più come un tempo.”
Akane tacque.
Anziana: “A quella vista, corsi all’impazzata verso la Torre, cadendo più volte a terra, dati i miei acciacchi. Giunta ove il sentiero Din Don prendeva corso verso la Torre, udii un grido. Sbaragliai gli occhi e caddi a terra. Abbassai la testa, reggendomi appena con il palmo delle mani poggiate sul terriccio umido; era il grido di Aoi, della mia amata nipotina.”
Akane incominciò a tremare, tanta era l’adrenalina che le scorreva nelle vene.
Anziana: “Da quel giorno, nulla fu più come prima. Sentii la mia vita perdere d’ogni senso. Mi rinchiusi per un lungo tempo qui, nei meandri di questo bosco, ormai decisa a lasciarmi morire in agonia, finchè…” e qui si bloccò.
Akane non disse più niente; era totalmente immersa nei suoi pensieri.
L’anziana fece un accenno di sorriso e, volgendo lo sguardo al cielo, disse: “Sai, sono certa che l’anima d’Aoi vaghi ancora per queste terre, per questi alberi, per le strade di quella città. Sono sicura che abbia qualche conto in sospeso, che abbia bisogno dell’aiuto di qualcuno per poter finalmente riposare in pace. A volte, mi pare ancora di vederla correre per questo campo, di sentirla intonare un canto lento, angosciante, come per esprimere la sua immensa agonia.”
L’anziana sorrise e, fissando con espressione assorta, riprese: “Sai, questo era il suo albero; si divertiva ad arrampicarvisi fino a raggiungere i rami più alti. Diceva, con la sua vocina innocente, che da lassù riusciva a vedere sino alle due grandi torri d’Amarantopoli."
Akane sbiancò; un brivido inverosimile le percorse tutte le gambe sino a giungere alla testa. Non le ci volle molto per ricordarsi di quegli strani incontri; La bimba allo stagno, la quale non si rifletteva nell’acqua, la bimba sui rami di quel imponente albero, la mantellina strappata…
No, non poteva essere… Akane non riusciva a capacitarsi d’aver visto uno spettro, e come se non bastasse in più circostanze! Poi, le parole dell’anziana: *” Sono sicura che abbia qualche conto in sospeso, che abbia bisogno dell’aiuto di qualcuno per poter finalmente riposare in pace”* …e se fosse lei quel qualcuno?
L’anziana, vedendo Akane così assorta nei suoi pensieri, si mise a scrutare il cielo, notando uno stormo di pidgey volare verso i loro nidi, su d’uno sfondo rosastro.
Anziana: “Oh diamine, come s’è fatto tardi! Se non ci sbrighiamo a raggiungere il templietto potrebbe divenire troppo tardi.”
Akane pensò: **…Troppo tardi per cosa? Forse, c’è un’ora prestabilita per leggere l’oracolo, o forse, c’è qualcosa dietro a tutto ciò…**
Akane sentì un profondo dolore alle gambe. Così, abbassato lo sguardo, notò che i polpacci le stavano sanguinando. I rovi delle rose le avevano inferto dei taglietti superficiali su ambedue le gambe.
Akane: “Maledetti rovi!” e si chinò per tamponarsi i tagli con della saliva ed un fazzoletto. L’anziana le si chinò ai piedi, alzandole lievemente una gamba ed incominciando con dei lembi strappati dal suo abito. Qualche goccia del sangue d’Akane le si versò sulle mani. Finito di medicarla si rialzò in piedi, dirigendosi verso il templietto. Akane se ne stette qualche passo più in dietro, un po’ imbarazzata dalle attenzioni dell’anziana. Intanto, lievemente curva sulla schiena, l’anziana procedeva lungo il sentiero. Senza farsi notare da Akane, si portò la mano al volto, incominciando a leccarne il sangue che vi era caduto sopra. Dopo qualche minuto, ecco ergersi dinnanzi ad Akane il templietto. Era alquanto piccolo, con una veranda frontale ed un monolocale dal soffitto molto alto, nel quale all’interno vi era riposto un focolare gigantesco. Il tutto era in stile giapponese, come la tradizione del luogo esige.
Entrarono. Un aroma di lavanda rendeva assai più lieta l’atmosfera. Con la luce del crepuscolo filtrante dalle finestre, la stanza pareva d’un colore rosato. Ed ecco, mentre Akane contemplava la bellezza della stanza, l’anziana si mise dietro al focolare, voltata verso Akane. Questo gesto attirò l’attenzione d’Akane, che si girò verso la donna. Non disse una parola. Distolse lo sguardo dall’anziana, fissando le grandi vetrate alle spalle d’essa. Occupavano tutta la parete e davano un’ampia visione sul panorama del bosco e delle montagne vicini ad Amarantopoli. Ad Akane brillarono gli occhi e, con la bocca spalancata, corse verso quell’enorme vetrata, ammirando meravigliata tutte quelle bellezze che il terrore e il panico le avevano impedito precedentemente di notare. Nel cielo rossastro vi era appena qualche candida nuvola, tinta dai colori pittoreschi del tramonto. Ed ecco, uno stormo di spearow si levò dall’albero nel campo di rose, solcando i venti soffiati da Violapoli. Volavano verso quel sole rossiccio che andava posandosi dietro alle montagne all’orizzonte, sfumando tutto il bosco di quel rossore che giunge solitamente quando sta per arrivare la sera. Vi starete dicendo: “Certo, è un bello spettacolo, ma non da rimanerci a bocca aperta come dei cojoni”. Beh, dovete sapere che quella splendida vista ricordò ad Akane il suo paese d’origine: Giardinfiorito, nella lontana regione di Sinnoh. Era da così tanto che Akane non ritornava a casa, da sua madre e dalla sua sorellina, che le parve di sentir le loro voci.
Akane: “Oh, mamma…”
Le scese una lacrima, il ricordo del suo paese natale le scaldava l’anima.

Un sussulto al cuore. Percepì per qualche istante un sussurrò confuso provenire da ogni angolo di quella stanza. Per un momento si fece cogliere dal panico, ricollegando quel sussurro a quello udito nella Palestra; praticamente identici. Ma si calmò in men che non si dica, convincendosi che fosse stato tutto frutto della sua fantasia. Ma il tutto, a suo malgrado, le ricordò il suo amato Absol. Ne sussurrò piano il nome, non riuscendo ad aggiunger altro. Cioè, cosa poteva dire al riguardo? Aveva perso il suo migliore amico in circostanze a dir poco assurde, per poi cadere, battendo violentemente la testa, e ritrovarsi fuori dalla Palestra. Cioè, è assurdo! Ma l’amicizia che la lega al suo pokèmon è così intensa che non può smettere di pensare a quanto furono felici insieme. Un'altra lacrima le si calò dal volto, ma stavolta calda e amara.
"Absol…” sussurrò.
NO! Akane non voleva separarsi da quello che per anni era stato il suo migliore amico! Ma… come fare? Ormai, ogni speranza era perduta...
L’anziana ne richiamò l’attenzione, schiarendosi la voce: “Giungi a me, e avrai tutte le risposte che stai cercando.”
Akane si voltò sorpresa; per un istante s’era scordata del motivo della loro visita al templietto.
L’anziana con un semplice gesto della mano la invitò ad avvicinarsi, così ella s’avvicinò. Erano una di fronte all’altra, faccia a faccia, divise solo da quell’immenso focolare scoppiettante. Allora, la stanza si fece sempre più buia, finchè l’anziana spalancò le braccia e, gridando a squarciagola, invocò l’oracolo. Il focolare divampò, diventando enorme, per poi ridursi gradualmente ad un fuocherello bluastro, alto appena un metro. Akane, con la fronte gocciolante, assistette stupita alla scena, indietreggiando. L’anziana, con il capo chinato, le indicò di riavvicinarsi, e così fece. Sussurrò qualcosa al focolare, protendendo le mani verso esso, per poi bisbigliare chiaramente con tono “decrescente”: “Oh oracolo, mostra a questa giovane ragazza…” e da qui in poi abbassò troppo il tono della voce; lo scoppiettare del fuoco impedì ad Akane di capire cosa stesse invocando realmente. Ed ecco, la stanza, da quasi totalmente buia, divenne dapprima totalmente oscurata, per poi illuminarsi fievolmente d’ombre azzurrastre di fiammelle, che ondeggiavano sulle pareti. Akane assistette sbigottita a quello spettacolo, finchè l’anziana la persuase a concentrarsi sul focolare. La vecchietta agitava braccia e mani intorno a quelle fiamme azzurre, bisbigliando parole incomprensibili, quasi d’una lingua arcaica, finchè s’accosto ad un palmo dalle fiamme, sussurrando nuovamente qualcosa. Akane, stufa di non capirci niente, tentò di leggerle il labiale, riuscendo a capire la frase “…mostraci il suo volere…”
Ci rimase di sasso. **Il suo volere? Suo di chi? Non è che… Si riferiva a… quel lui di cui andava dicendo Angelo?...Ora basta. Le coincidenze stanno diventando troppe.** Ragionatoci sopra, fissò il volto dell’anziana… niente. Non sapeva più a cosa pensare.
**…Ma no, sarò ancora troppo suggestionata da ciò che è successo in quella Palestra. Mi sto facendo soltanto delle idee sbagliate. In fondo, è solo una povera e sola vecchiettina, cosa potrà mai farmi?** [eggià, cosa avrà mai potuto farle? e.e …Ma cosa pensate porcellini!]
Ma ritornando alla frase dell’anziana; dopo aver sibilato quelle parole il fuoco sembrò prendere vita propria, danzando e scoppiettando in un piccolo turbine di fuoco.
Ad un tratto, dalle fiamme si sembrò di intravvedere un volto agghiacciante, dalla mascella spalancata, che gridava un dolore immenso. Una vista orribile, che turbò molto Akane. Le fiamme si rimisero a danzare, facendo sparire quella terribile espressione. Akane, ancora sconcertata, solo dopo qualche istante si rese conto che, proprio quel volto così angosciante, assomigliava in modo incredibile ad Angelo! Non ebbe il tempo di star a rifletterci sopra che le fiamme si mutarono in un’altra immagine. Le ci volle qualche istante per definire con precisione gli elementi raffiguratosi. Così, Akane, intravvise Absol.
Akane: “Absol!”
Gridò il suo nome, come se potesse sentirla. Ma ben presto, la gioia di rivedere il suo pokèmon si tramutò in orrore. Infatti, Absol giaceva in un lago di sangue, posto su di un piccolo altarietto, illuminato da candele sospese a mezz’aria. Perdeva sangue a dismisura, soprattutto dalle cavità oculari, dal quale, ricordandolo, s’era cavato i suoi stessi occhi. Dalle fiamme, Akane riuscì ad intravvedere un’altra sagoma. All’inizio, era ondulata ed indefinita, si intravvise la benda violacea di Angelo. Si vide chiaramente che questi si stava avvicinando ad Absol, ormai in fin di vita, con un ghigno sinistro. Akane stava andando in panico. Non riusciva più a controllarsi e gridò a tal punto da far tremare le vetrate. L’inquadratura della scena si spostò gradualmente da quella visione terribile, ad un grande portone, poi a un sentiero coperto da foglie secche, per poi svanire tra le fiamme scintillanti, in un ghigno malefico. Il focolare ridivenne immenso, per poi spegnersi definitivamente. Le braci però ardevano ancora, scoppiettando linguette di fuoco. Akane rimase lì, con la bocca appena socchiusa e due occhioni sgranati. Pensò: **C-cosa avrà mai voluto dire ciò?**
Ed ecco, uno strano silenzio, interrotto soltanto dall’ululare d’un branco di mightiena che muoveva nelle vicinanze alla ricerca di facili prede, possibilmente degli stantler.
Anziana: “…Ciò è la risposta.” Disse con voce scura, marcando particolarmente quella “è”.
Akane era perplessa: “…c-come scusi?”
Anziana: “Non volevi forse tu sapere come poter riabbracciare il tuo Absol? Ecco. Ciò è la risposta.” ripetè.
Il cuore d’Akane batteva a mille; così, chinò lo sguardo, ripensando a quelle cruenti immagini.
Akane: “Non… capisco. Cioè, non mi è chiaro dove si trovino il mio Absol e quell’essere. Sa, non è che io sia molto esperta degli edifici di queste parti… infatti ero giunta in città al solo scopo di lottare in Palestra. E poi…” e si fermò.
Anziana: “…quella, è la Torre Campana, ove si narra che da anni vi dimorino degli spiriti demoniaci. È lì che la mia Aoi fu condotta con l’inganno, per poi strapparle la vita da quegl’occhi innocenti. Ed è lì ove anche il tuo Absol è stato condotto. Certo, è ancora in vita, ma devi sbrigarti a raggiungerlo, perché ormai i suoi giorni sono giunti al termine della loro corsa, e se qualcuno non interviene al più presto, i suoi occhi si spegneranno [lo so che non ha più gli occhi, ma è un modo di dire >.<] e diverrà uno di loro.”
Akane socchiuse gli occhi e, con sguardo chino, battè quei pugni che stringeva talmente forti ai palmi delle mani, sul legno del pavimento, incominciando a sussurrare con tono rabbioso: “Absol… Diamine ma PERCHÉ proprio a te?? Avrei preferito che avessero preso me, almeno il pensiero di saperti al sicuro m’avrebbe rincuorata, e invece… Ora sarai là, tutto solo e terrorizzato, con dolori lancinanti che ti trafiggono il cuore e senza più neanche la forza di piangere. Oh, amico mio… CERCA DI RESISTERE!!!”
Detto ciò Akane scattò in piedi e, tenendo la testa bassa, come vergognandosi delle sue lacrime, l’alzò di colpo gridando: “IO VADO A PRENDERLO!”
Così corse verso la veranda, aprì la porta e…
Anziana: “Ferma! …Ormai è tarda notte, ed è meglio che una ragazza cos’ giovane come te non vaghi sola per questi boschi sperduti. Fidati di me, passa qui un’altra notte. E poi, me l’avevi promesso…”
Akane: “Ma…” si interruppe. Vedendo il volto così angosciato della vecchietta non ebbe il coraggio di contraddirla. E poi, come aveva detto lei, si doveva fermare un’altra notte, le aveva dato la sua parola. Così acconsentì: “Ok, data la sua generosità, come potrei farle un simile torto?” e sorrise.
Akane: “Però domani mattina nulla potrà impedirmi di raggiungere il mio amato Absol.” disse con tono grintoso.
Anziana: “Sono certa che resisterà. Se è un pokèmon deciso come la sua allenatrice, non avrà problemi a tener testa ad Angelo.” E incominciò a sussurrare: “Poi, sono certa che Angelo attenderà apposta con ansia il suo arrivo.” E fece uno strano ghigno.
Akane, non capendo cosa avesse da bofonchiare, soggiunse: “Esco a prendere una boccata d’aria, credo che star un attimo da sola m’aiuterà a rifletterci meglio sopra.”
Anziana: "Ok cara, ma vedi di non allontanarti troppo. Questi boschi di notte pullulano di pericoli, è meglio se non ti ci avventi e che rimani qui vicino.”
Akane annuì, ed uscì dal templietto. Nel contempo, sul volto dell’anziana era parsa un’espressione malefica, che Akane, essendo uscita, non notò [classico >.<]
Il cielo fuori era d’un blu stupendo, e le stelle brillavano irradiando le nuvole passeggere grigiastre. Uno spettacolo che riuscì a riaccendere un minimo do vitalità nel volto d’Akane. Ma, ora che sapeva il triste futuro di Absol, non riusciva a starsene con le mani in mano; ma… era obbligata.
**Dai, una notte, una notte soltanto. Non dovrà resistere niente di più che una notte.** pensò.
E con questo pensieri che le frullava in mente s’accasciò nel prato, supina, fra i crisantemi e le viole, spalancando le braccia. E ora stava lì, con i fili d’erba che le solleticavano le braccia, a fissare gli astri. Con un po’ di fantasia le parse che un gruppo di stelle assomigliasse vagamente al volto del suo Absol. Così sussurrò: “Absol, ti scongiuro, resisti! Sto per venire a prenderti.” E detto ciò s’addormentò, mentre una lieve brezza le soffiava addosso; una brezza che andava passando tra quelle rose spinose, sollevandone qualche petalo. Questi sembravano danzare a ritmo col vento, per poi andar posandosi sul davanzale d’una finestrella del templio, dal quale, con grande orrore da parte di chi avrebbe assistito alla scena, l’anziana, con un volto allungato dal quale sporgevan dalla bocca denti affilati e logori, osservava, con occhi dai capillari colmi di sangue, Akane, ormai dormiente nel prato. Uno strano sussurro aleggiava intorno all’ “anziana”, e lei, come per rispondere, disse con un ghigno sinistro: “Come vuole lei, mio Padrone.”


Fine 2^ parte!



-Ma cosa sarà mai questa "misteriosa" vecchietta?
-Ha fatto bene Akane a fermarsi ancora un pò, o sta correndo qualche pericolo?
-Ce la farà Absol a resistere sino a quando arriverà la sua allenatrice?
-Cosa vorrà quella misteriosa bimba dalla nostra Akane?
e soprattuto; Cosa si celerà realmente nella misteriosa Torre Campana?

Tutto questo nella prossima parte de: "Il sussurro"


Firma dell'Utente __________________________________________________________________________________________________
Gardevoir is looks for you
Spoiler:

Spoiler:

Spoiler:


Una triste verità...
Spoiler:
non osare sfidarla... ti troverebbe OVUNQUE


non aprire lo spoiler... potresti rimanerne traumatizzato
Spoiler:
avatar
†Kønømi†
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 788
Pokèdollari : 8262
Data d'iscrizione : 23.10.11
Età : 20
Località : the fuck you beach

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente http://pokemondimension.phpbbitalia.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da »Goku il Ven Dic 23, 2011 7:01 am

Shocked Fantastica Shocked
avatar
»Goku
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 21
Pokèdollari : 7137
Data d'iscrizione : 29.10.11
Età : 19
Località : Cagliari

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da TheShinyIce il Ven Dic 23, 2011 12:24 pm

bella bellissima stupenda stupendissima meravugliosa meravigliosissima ecc
avatar
TheShinyIce
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Messaggi : 367
Pokèdollari : 7498
Data d'iscrizione : 28.10.11
Età : 19
Località : Nuoro

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da †Kønømi† il Ven Dic 23, 2011 4:46 pm

qualke kommento personale ke nn sia bella ecc...? XD

Firma dell'Utente __________________________________________________________________________________________________
Gardevoir is looks for you
Spoiler:

Spoiler:

Spoiler:


Una triste verità...
Spoiler:
non osare sfidarla... ti troverebbe OVUNQUE


non aprire lo spoiler... potresti rimanerne traumatizzato
Spoiler:
avatar
†Kønømi†
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 788
Pokèdollari : 8262
Data d'iscrizione : 23.10.11
Età : 20
Località : the fuck you beach

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente http://pokemondimension.phpbbitalia.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da TheShinyIce il Ven Dic 23, 2011 8:21 pm

fantanterrorrima
avatar
TheShinyIce
Moderatore Globale
Moderatore Globale

Messaggi : 367
Pokèdollari : 7498
Data d'iscrizione : 28.10.11
Età : 19
Località : Nuoro

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da RikuDarkeyblade il Sab Dic 24, 2011 11:39 am

†Kønømi† ha scritto:qualke kommento personale ke nn sia bella ecc...? XD
Io già ti ho detto tutto Wink

Firma dell'Utente __________________________________________________________________________________________________


Riconoscimento per chi ha raggiunto i 10.000 messaggi su phpbbitalia

E' questa la realtà

By Perry (1/11/2011)

Codice amico Pokémon Battle Revolution: 5372-0842-5414 (Rick)
Codice amico Pokémon Versione Diamante: 4168-8922-8460 (Rick)
Codice amico Pokémon Versione Nera: 3782-9525-1055 (Riku95)
Codice amico Mario Kart Wii: 2322-1264-9875 (Riccardo)
avatar
RikuDarkeyblade
Supervisore
Supervisore

Messaggi : 5167
Pokèdollari : 12523
Data d'iscrizione : 23.10.11
Età : 22

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente http://pokemongeneralgeneration.forumcommunity.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da †Kønømi† il Sab Dic 24, 2011 12:12 pm

RikuDarkeyblade ha scritto:
†Kønømi† ha scritto:qualke kommento personale ke nn sia bella ecc...? XD
Io già ti ho detto tutto Wink
giagia xDDD

Firma dell'Utente __________________________________________________________________________________________________
Gardevoir is looks for you
Spoiler:

Spoiler:

Spoiler:


Una triste verità...
Spoiler:
non osare sfidarla... ti troverebbe OVUNQUE


non aprire lo spoiler... potresti rimanerne traumatizzato
Spoiler:
avatar
†Kønømi†
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 788
Pokèdollari : 8262
Data d'iscrizione : 23.10.11
Età : 20
Località : the fuck you beach

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente http://pokemondimension.phpbbitalia.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da »Goku il Dom Gen 01, 2012 8:59 pm

Ah.....Storia avvincente,ti prende molto,vuoi sapere il finale Very Happy

Secondo me ;D
avatar
»Goku
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 21
Pokèdollari : 7137
Data d'iscrizione : 29.10.11
Età : 19
Località : Cagliari

Scheda Allenatore
Esperienza Allenatore:
500/500  (500/500)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il sussurro

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum